image_pdfimage_print

Intervista a Anna Grazia Stammati,  Cobas Scuola, cura di Libera TV

 

 

 

Qui trovate il video del resoconto di Anna Grazia dopo l'incontro al MIUR

RESOCONTO
Precisazioni di Franco Spirito, che faceva parte della delegazione, dal suo sito 
La richiesta specifica è stata quella di aggiungere una casella, oltre a quelle presenti in Polis Istanze online che comprendesse quota96, visto che hanno le nostre schede dal censimento dell’ottobre scorso, sia pure sub iudice.
E’ chiaro che per sbloccare la nostra situazione è necessaria una Legge, decreto legge o che cazzo vogliono loro, ma un atto che annulli il blocco della Legge Fornero al 31/12/2011.
La richiesta di aprire con un punto specifico è rivolta a indicare precisamente la nostra controparte nella politica governo e parlamento che deve legiferare o assumersi dichiarando la loro responsabilità precisa, e non legiferando dire esplicitamente:
Quota96 NO!
La 249/1186 Ghizzoni/Marzana, se mettono la nostra posizione su Istanze OnLine, può subire quell’accelerazione necessaria per andare in porto in tempo utile per il nostro pensionamento.
Un’ulteriore richiesta è stata portata all’attenzione del MIUR.
Il Miur dovrebbe ricontattare la R.d.S. , il MEF e l’INPS chiedendo dove siano finiti i fondi, che c’erano per una platea di circa 4000 pensionandi l’anno scorso, quando proprio su dati INPS fu sparata la cifra assurda di 9000, da destinare al pensionamento dei 3976 certificati dalla ricognizione Ministeriale che ci ha bloccato al lavoro anche per il 2013/14.
Il mancato riconoscimento delle richieste porterà ad una intensificazione delle lotte fino al limite dell’assenteismo programmato di tutti i Q96 in contemporanea in particolari occasioni nelle scuole di tutta Italia.
Alzandoci abbiamo lasciato il pacco delle domande pervenute in via telematica alla sede Cobas Nazionale e quelle che da ogni parte d’Italia avevamo raccolto e sono state portate a Roma dai compagni e colleghi di tutta Italia.
Non molleremo la presa, e sicuramente torneremo a pressare il MIUR, ma ora dobbiamo incalzare la politica identificando tutti i soggetti che si stanno occupando di noi o hanno possibilità di farlo, ricordando loro con iniziative in tutta Italia che dovranno assumere durezza e intransigenza a secondo delle situazioni e della forza che possiamo mettere in campo ricorrendo anche ad alleanze locali, che la questione di Quota96 deve essere risolta!
18/01/2014 Franco
Share