image_pdfimage_print

PAROLE........PAROLE......

Ormai siamo abituati alle promesse mai mantenute del governo e raccogliamo le affermazioni di questi giorni della Madia di scendere tra la "gente", dopo la scoppola presa alle elezioni.

Sappiamo che sono parole, come diceva una grande cantante italiana e noi raccogliamo la sfida.

Renzi ci negherà un selfie a Palazzo Chigi?

 

___________________________________________________

Al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Al Ministro P.A. Marianna Madia

a tutti i Ministri

QUOTA96 DISPONIBILE A INCONTRARVI

Leggiamo con attenzione le notizie provenienti da Palazzo Chigi e ci interessa in particolare la disponibilità di tutti voi a scendere nelle strade e nelle piazza per incontrarvi con i cittadini e ascoltare le loro richieste.

Ormai siamo al quarto anno di attesa per la soluzione di Quota96 scuola e quindi accogliamo favorevolmente la vostra proposta.

In tutto questo tempo abbiamo cercato di interloquire con voi in tutti i modi possibili, dai presidi a Roma, allo sciopero della fame, alla richiesta di incontro, ai comunicati  a iosa, alle interpellanze al governo, alle conferenze stampa, con l’appoggio dei parlamentari dei vari gruppi politici, agli emendamenti sempre rimasti in sospeso, oppure quelli approvati e bocciati all’ultimo momento (vedi decreto Madia, agosto 2014).

Se la vostra sbandierata proposta è reale, noi siamo disposti a venire a Roma, a trovarci in altre città d’Italia, al mare o in montagna, sulla strada

Siamo anche pronti a chiacchierare al bar, sorseggiando un aperitivo o un drink, visto il clima caldo del periodo.

Servirebbe a noi per sondare le vostre reali intenzioni e potrebbe servire a voi per ascoltare le tante voci dei lavoratori della scuola, sulle pensioni, sui Quota96, ma anche sui programmi e sulle metodologie, ormai noi siamo troppo vecchi e vorremmo lasciare una traccia di quanta della nostra vita abbiamo speso nella scuola.

Non vorremmo che fosse una manfrina, come è successo l’anno scorso sulla legge sulla “Buona scuola”, quando malgrado un sollevamento generale dei docenti e degli studenti, con scioperi e continue manifestazioni per tanti mesi, l’ incontro proposto dal presidente Renzi  con i lavoratori non è avvenuto anzi si è risolto con una legge approvata con un voto di fiducia solo dai partiti di maggioranza.

Dateci un colpo o un cinque, siamo disponibili anche a un selfie con tutti voi, a condizione che non ci lasciate ancora in servizio.

Che ne pensate?

Sarebbe un riconoscimento non solo a noi, ma anche ai tanti sconosciuti e bistrattati lavoratori della scuola, che hanno fatto tanti sacrifici per il paese.

Comitato Lavoratori Quota96 Scuola

Giugno 2016

Share