image_pdfimage_print

Nelle mie riflessioni, tendo spesso a razionalizzare anche i sentimenti e le giuste incazzature, perché la vecchiaia e l'esperienza ti hanno insegnato, che la rivolta individuale, le frasi di chi le spara più grosse, ma poi non fa niente per cambiare le cose, è solo un modo per scaricare le tensioni e poi non fare niente.

Ragionare ti permette di capire quali solo le scelte più giuste, senza farsi trascinare dall'ira.

Ma quando trovi un ministro dal pianto di coccodrillo che davanti a malati di SLA (Sindrome Laterale Amiotrofica, malattia invalidante), che protestano e sono in sciopero delle fame perché un Governo incapace non riesce a garantire una minima assistenza, decidendo di tagliare i fondi a loro destinati,  dichiara:"Anche la vita da ministro è difficile..", non si può esimere da un normale gesto di ripulsa e comprendere anche quelli che sono sanguigni e non lesinano lazzi, pernacchie e anche qualche parolaccia.

Scusate, dico una bestialità, ma Maria Antonietta era più signorile, quando davanti alla “plebe” che reclamava pane, diceva mangiate le brioche, in quanto in quel caso bastava assaltare i forni e i mulini e costringere a produrre pane e così accadde e la storia cambiò.?

Ecco adesso occorrerebbe circondare i palazzi del governo e costringere una “persona” come questa a dimettersi, con tutti i suoi compari.?Ma una cosa è chiara, in quest’anno che abbiamo subito i lazzi e gli sfottò (il sottosegretario al lavoro,la ministra dal facile pianto di coccodrillo,.. ) di questi ricchi o arricchiti dell’ultima ora.?Credo che questa borghesia che si reputa di cultura elevata, ma che sistema i propri parenti nei posti più adatti, è il peggior lascito dell’ultimo ventennio. Un’accolita così non si era mai trovata insieme, senza remore, con la puzza sotto il naso, strafottente, senza umanità, chiusa nella loro cerchia a difendere i propri interessi.?Ma quello che fa più incazzare che si reputano non di destra, è la peggiore destra liberale che abbiamo avuto, e viene coccolata dagli eredi del ex-PCI, che non hanno un’idea che si differenzi da questi stronzi.

Ecco non c'è molto da dire questi signori sono degli STRONZI.

Non so se serve ancora la ghigliottina, che poi portò alla rivoluzione francese, ma trovate un sostituto della ghigliottina, fategli perdere a questi "signori" la loro sicumera, fategli paura, fategli perdere i loro averi e fateli vivere come i poveri ammalati di SLA, i licenziati senza lavoro (esodati), i disoccupati, o meglio gli inoccupati senza speranza.

In un paese in cui la richiesta del rispetto delle leggi diventa "lesa maestà" del padrone di turno, in cui i ricchi mostrano la loro pacchianeria e non vogliono che le loro ricchezze vengano toccate, a noi sono capitati questi "falsi democratici" assurti a "salvatori della patria" e messi a governare per l'inettitudine di un'opposizione inesistente e incapace di un pensiero altro, che lascia fare a questi tagliatori di testa il lavoro sporco.

Loro usano la "ghigliottina" e noi, invece, dobbiamo usare l'incazzatura cosciente, organizzata, diffusa, lo sberleffo creativo, dissonante, per ritrovare il senso di un'umanità, che il liberismo trionfante ha mandato in soffitta, perché non ha un valore monetario, non si misura in azioni e profitti, ma è la vita delle persone, con le loro difficoltà e la gioia di ridere, di partire dai più deboli, da quelli in difficoltà per costruire una società a misura dell'ultimo.

Share